Thom Yorke, è polemica con Roger Waters - Floydian Memories
03 Giugno 2017
Thom Yorke, è polemica con Roger Waters
Con una lettera aperta scritta a nome di 'Artists for Palestine UK', lo scorso aprile, una cinquantina di personaggi del mondo dell'arte e dello spettacolo hanno chiesto ai Radiohead di annullare il concerto fissato per il prossimo 19 luglio a Tel Aviv, in Israele, per 'protesta contro il sistema di segregazione imposto dagli israeliani ai palestinesi'. Tra i firmatari della lettera c'era anche Roger Waters, sostenitore del BDS, il movimento a guida palestinese per il boicottaggio, disinvestimento e sanzioni contro Israele. Nelle scorse settimane la band di 'Creep' ha preferito restare in silenzio sull'argomento: a rompere il silenzio, ora, è Thom Yorke, che ha risposto a Roger Waters e compagni con toni piuttosto duri.La risposta del frontman dei Radiohead alla lettera Thom Yorke è arrivata durante un'intervista concessa dal cantante all'edizione statunitense di Rolling Stone. Nell'intervista, il frontman dei Radiohead ha fatto sapere di essere in disaccordo con l'idea del boicottaggio:'Il tipo di dialogo che vogliono instaurare è del tipo: o nero o bianco. Ma a me non sta bene. È desolante che loro scelgano di smerdarci in pubblico piuttosto che confrontarsi con noi personalmente. Ed è profondamente irrispettoso, da parte loro, supporre che siamo disinformati: non capisco perché fare un concerto rock o andare a tenere una conferenza in un'università lì sia un problema, per loro'.Thom Yorke, poi, ha espresso il suo parere personale sulla scelta di Roger Waters e compagni, che secondo il cantante non favorirebbero l'unione tra israeliani e palestinesi ma alimenterebbero le loro divisioni:'È uno spreco di energia. Energia che potrebbe essere usata in modo positivo. Così non stai unendo le persone, non stai incoraggiando il dialogo. Sei crei divisione, cosa ottieni? Ottieni la fottuta Theresa May. Ottieni Netanyahu, ottieni il fottuto Trump. Crei divisioni'. - fonte: http://www.rockol.it